La mia vita da Zucchina un film di Claude Barras

La mia vita da zucchina Claude Barras

 

La mia vita da Zucchina: il piccolo capolavoro di Claude Barras ricco di poesia, commozione e ironia, ma soprattutto senza ipocrisia o superficialità

Zucchina è il soprannome intrigante di un bambino di dieci anni la cui storia unica è sorprendentemente universale. Dopo la morte improvvisa della madre, Zucchina stringe infatti amicizia con una specie di agente di polizia di nome Raymond e da lui viene accompagnato in un nuova casa adottiva piena di altri orfani della sua età. In un primo momento, Zucchina fatica ad adattarsi al nuovo ambiente, strano e a volte ostile, ma imparerà presto a fidarsi e a ritrovare l’amore che solo una famiglia può dare.

Presentato al Festival di Cannes 2016 nella Quinzaine Des Réalisateurs.
Premio del Pubblico come Miglior Film Europeo al Festival di San Sebastian.

 La mia vita da Zucchina (Ma Vie de Courgette, 2016) parla di orfani, genitori alcolizzati, pedofilia, persino bambini che ammazzano la madre. Un simile concentrato di sventure, oltretutto visto nella prospettiva dei ragazzini che queste terribili disgrazie hanno subito, avrebbe potuto condurre a un film ricattatorio, strappalacrime. La mia vita da Zucchina non è nulla di tutto questo. Passato con successo alla Quinzaine des Réalisateurs di Cannes e distribuito dall’ottima Teodora, il film d’animazione con pupazzi in stop-motion di produzione franco-svizzera, diretto da Claude Barras, è una sorpresa. Il merito va ascritto anche a Céline Sciamma, acuta regista di storie d’adolescenti controcorrente (Tomboy, Diamante nero) che, dopo quella firmata per il bellissimo Quando hai 17 anni di André Téchiné, realizza un’altra sceneggiatura esemplare (adattando Autobiografia di una Zucchina di Gilles Paris), in equilibrio tra realismo e trasfigurazione fantastica, asciuttezza e giusta commozione.

La mia vita da Zucchina è un racconto di formazione senza eufemismi, che esplicita il sottofondo tragico della vicenda, anche attraverso frasi pronunciate dai bambini in cui l’ingenuità propria dell’età si mescola a una dolorosa maturità prima del tempo (“Siamo tutti uguali qui, non c’è più nessuno che ci ami”). Durezza e franchezza, però, sono attenuate dal filtro applicato, quello d’un punto di vista che resta sempre ad altezza bambino. Molto dipende anche dal ricorso ai pupazzi e alla tecnica della stop-motion che, contrariamente a tanta animazione digitale ipercinetica, regalano al racconto un ritmo meditato, in cui la lentezza è l’altra faccia della delicatezza messa dagli autori nella narrazione di questi giovanissimi, indifesi personaggi. Proprio il fatto che il mondo venga prima raccontato nelle sue brutture rende più credibile la nota di speranza finale. La mia vita da Zucchina insegna che le cose possono cambiare, ma bisogna sapere che bene e male esistono l’uno accanto all’altro, divisi da un esilissimo filo. Perciò, per spiegarne la prossimità, il film ricorre a simboli ambivalenti, che cambiano di segno nel corso del racconto. La malinconica lattina di Zucchina si trasforma in un’oggetto che aiuterà Camille; e le tacche per segnare la crescita del bambino, che la mamma di Zucchina faceva sul muro in corrispondenza di un’ennesima tragedia da ricordare, serviranno finalmente per celebrare gli avvenimenti felici d’una nuova vita.

Stefano Fedele, Optimagazine

Gli orari:

Giovedì 5 gennaio ore 16:30 – 18:30

Venerdì 6 gennaio ore 16:30 – 18:30

Sabato 7 gennaio ore 16:30 – 18:30

Il trailer:

Buone visioni al Circolo Cinematografico Agorà
Per saperne di più su questa programmazione clicca qui

Posted in Novità, Programmazione and tagged , , , , , , , , , , , , , , , , , .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *