Asier e io, un film di Aitor e Amaya Merino

asier-and-i-2

 

«Un giorno, Asier, il mio migliore amico fin da quando eravamo bambini, semplicemente scomparve.  Asier e io siamo cresciuti insieme nelle strade conflittuali della Pamplona degli anni Ottanta. Dopo, io mi trasferii a vivere e lavorare a Madrid. Nel 2002 Asier entrò a far parte dell’organizzazione armata ETA. Come far capire ai miei amici di Madrid cosa ha spinto Asier a prendere una decisione di questo tipo, che anche per me era estremamente difficile da affrontare? Quando Asier uscì di prigione, presi una telecamera con l’obiettivo di realizzare un film nel quale si tentasse di rispondere a questa domanda, e perché no, cercare di colmare il divario tra le nostre due posizioni.  Tuttavia, il mio piano non sarebbe stato facile come speravo».

Questo il commento del regista Aitor Merino.

Un racconto anti-ideologico, ironico e allo stesso tempo profondo, leggero ma efficacissimo, capace di spiegare l’adesione alla lotta armata di Asier (senza sconti sulle pesanti conseguenze che il giovane uomo paga), la sua umanità e la situazione sociale e politica nei Paesi Baschi di oggi. Gli strumenti di Aitor sono i ricordi personali come foto e riprese home video in vhs, ma anche i ritagli di giornale che documentano il clima di terrorismo percepito dai due ragazzi già a partire da circa metà anni ’80. Un’estetica home made, povera di mezzi ma ricca di idee, che entra in chiave semplice e accessibile e con leggerezza invidiabile nel campo dell’azione politica e nel confronto di idee, di posizioni differenti che hanno uguale diritto di cittadinanza.

Questa sensibilizzazione intorno alle vicende di Asier permette di comprendere a fondo le ragioni sottostanti ad alcune sue azioni discutibili e controverse, riuscendo a comunicare, oltre alla profonda amicizia che lega i due uomini, l’importanza della lotta per un ideale e per la libertà e dei sacrifici che si è disposti a fare in nome di ciò in cui si crede.

Vincitore del Premio Irizar al Cinema Basco alla 61esima edizione del Festival di San Sebastian.
Versione originale sottotitolata in italiano.

 

Gli Orari:

Giovedì 13 ottobre ore 21:30
Giovedì 20 ottobre ORE 21:30

Il trailer:

Buone visioni al Circolo Cinematografico Agorà

Posted in Novità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *